31
Ago
11

Aggiornamento bibliografia

  1. Quadernetto (primo e secondo, con una nota di Marcello Carlino) la stanza del poeta, Gaeta 2010;
  2. Cantiques de l’errance (traduzione da Radhia Chehaibi, dal francese di Abdelmajid Youcef), Gaeta 2010;
  3.  Fausseté du vrai (traduzioni da Daniel Leuwers), Gaeta 2011;
  4. Nel passo breve del vento (traduz. da Dans le passe brève du vent di Georges Drano, con Irene Vallone), Gaeta 2011;
  5. Giorni di Tunisia (piccolo diario), Gaeta 2011;
  6. Il 4 vien da sé (Tetovo 2010, “Ditet e Naimit”), Gaeta 2011;
  7. Quanto di me (riflessioni poetiche) Edizioni Eva, Venafro 2011;
  8. Quanto di te (contrappunto a Roland Barthes, con una nota di Marcello Carlino) la stanza del poeta, Gaeta 2011.
Annunci
22
Giu
10

“E poi…” tradotto in arabo


E’ un piccolo libro piuttosto vecchio, “E poi… / Et puis” (del 1991) uscito inizialmente con la traduzione in francese, poi ristampato nel 2006 (nella “stanza del poeta”) con una introduzione di Georges Drano… ora esce in arabo – Edizioni Bourak a Monastir (Tunisia)

 

“Parole (e poi…)” è uno dei testi più importanti e dà il titolo al libro… ecco la versione in arabo di Abdelmajid Youcef

 

17
Feb
10

pluritraduzione

ULISSE E CABOTO

(da GAETA. IERI E OGGI)

Facilmente la ratio leggendaria
trovò luogo ubi consistere qui
dove una terra/invito al sogno apre
all’eroe del mare le sue braccia –
ancorandovi per sempre la sua nave
E se fosse nato qui il navigatore
qui ricordato come fosse vero
/ oppure no – che cambia? nella storia
è vero quel che crede chi ci crede
Tra favola e verità non è ragione
che sovrasti la fiducia di una gente
votata al mare comunque alla conquista
necessaria di approdi più lontani –
sangue di mare pulsa il nostro cuore

* * *

ULYSSE ET CABOTO
(Anna Soccorso)

Facilement la “ ratio ” légendaire
trouva le lieu “ ubi consistere ” là
où une terre/invitation au songe ouvre
au héros de la mer ses bras –
en y ancrant pour toujours son navire.
Et s’il était né là le navigateur
ici rappelé comme s’il était vrai
/ou non – qu’est-ce que ça change ? dans l’histoire
est vrai ce que croit celui qui y croit
Entre la fable et la vérité
il n’y a pas une raison
qui dépasse la confiance des gens
voués à la mer, quand même à la conquête
nécessaire de lieux d’abordage plus lointains –
sang de mer palpite notre cœur

* * *

ULYSSES AND CABOT
(Pietro Pala)

Easily did the legendary ratio
find place ubi consistere here
where a dream inviting land opens
its arms to the hero of the sea
forever anchoring here his ship.
Suppose the navigator were born here
and here remembered as if it were true
– or weren’t – what changes? in history
it’s true what believes the man who believes it.
Between fable and truth there is no reason
superior to the trust of people
devoted to the sea in any case to the necessary
conquest of further landings:
seablood is beating our heart.

* * *

ODYSSEUS UND CABOTO
(Thomas Gilbhard)

Leicht fand die legendäre ratio
den Ort ubi consistere hier
wo das Land zum Traum einladend
dem Heroen des Meeres seine Arme öffnet
der sein Schiff für ewig ankert
und wenn der Navigator hier geboren wäre
hier erwähnt als ob es wahr wäre /
oder nicht – was macht’s? in der Geschichte
ist wahr das was man glaubt für den der glaubt
Zwischen Fabel und Wahrheit gibt es keinen Grund
der das Vertrauen der Menschen überragt
die dem Meer geweiht sind oder der nötigen
Erlangung fernerer Landungen –
Meeresblut pulsiert in unserem Herzen

16
Feb
10

traduzioni diverse

 

Serbo (Dragan Mraovic)

 

DANZA DI FINE ANNO

 

 

 

Danzano manichini penzoloni

 

le parole appena a perdersi se lasci

 

la presa incauto burattinaio

 

prima di averne registrato il peso

 

 

 

E te ne stai pupazzo inerte ad aspettare

 

chi ripari accorto i fili appena a muoverti

 

abile se un incarico ti offrono

 

irrinunciabile per il momento almeno

 

 

 

In cerca di un autore o di una parte

 

in te comunque vivi distillando

 

sapori e già saputi altri saperi

 

saziandoti la mente che ti pensa

 

 

 

Morbida questa inerzia cui appendere

 

l’abito disusato e nuove maschere

 

affrettarsi ad acquistare con gli spiccioli

 

di un anno a mala pena attraversato

 

 

 

 

 

 

 

ПЛЕС ЗА КРАЈ ГОДИНЕ

 

 

 

Плешу и клате се лутке

 

речи ће нестати ако испустиш

 

конце неопрезни луткару

 

пре него си им одмерио тежину

 

 

 

И ти стојиш лутко непомична чекаш

 

ко ће брижљиво поправити конце тек да се мичеш

 

вешто ако ти понуде ангажман

 

који не би могао одбити бар за сада

 

 

 

У потрази за писцем или улогом

 

живиш у себи цедећи

 

укусе и већ познате ствари

 

засићујући ум који на те мисли

 

 

 

Морбидна је та инертност на коју треба

 

окачити одећу коју више не носиш и пожурити

 

да ситнишем купиш нове маске

 

године на једвите јаде протекле

 

 

Rumeno (Ana Covaciu):

 

da Refren de aparenţe

PAROLA

respiro dell’essere
la parola
sulla pagina emersa

luce da buio

segno di carne
che la carta incide

suono di vittoria

verbo
che illumina e fissa
la strada

    * *

CUVÎNT

respiratie a fiintei
cuvîntul
pe pagina ivita

lumina din întuneric

semn de carne
ce hîrtia sapa

sunet de victoire

verb
ce ilumineaza si hotaraste
drumul

  = *  = * =

 

Spagnolo (Carlos Vitale):

 

da Medida de vida

 
fedele amica
sopportando ogni errore
mi hai conquistato

*

non potrei permettermi spine
nel fianco
ora che al fianco ho te

*

spezzando il gelo
bocciolo di speranza
ti sei dischiusa

   * *

fiel amiga
soportando todo error
me has conquistado

*

no podría permitirme espinas
en el costado
ahora que te tengo al costado

*

rompiendo el hielo
te has abierto
capullo de esperanza

  = *  = * =

 

Greco (Panos Misserlis):

da Se rincorri un po’ di ieri nel domani (traduzione inedita)

MIO PADRE NON E’ VECCHIO

Il tempo si è fermato a riposare
vicino a te dimentico
delle cure presenti
se lo tieni incatenato alla tua vita
se impedisci alla stanchezza di annoiarti

il sole
ti cancella addosso l’ombra dei tuoi anni
smemorando la tristezza
se ti lasci accarezzare dal tramonto
se alla fine del giorno ancora credi

la terra
dopo l’amaro esilio
riconquistata sa di antichi semi
e gode al tocco di tua mano amica
e giovane per te di nuovo ha frutti

il tempo
si è seduto a riposare accanto a te

se rincorri un po’ di ieri nel domani

Ο ΠATEPAΣ MΟY ΔEN EINAI ΓEPONTAΣ

Ο χρόvoς δταμάτηδε vα ξαπoστάδει
κovτά δoυ ξεχvώ
τωριvές έγvoιες
αv τov κρατάς δέσμιo στη Zωή σov
αv εμπoδϋεις vα βαραίvει o μόχθoδ

o ήλιoς σβήvει από πάvω σoυ τη σκιά τωv χρόvωv σoυ
κι η θλίψη λησμovιέται
αv αφήvεσαι vα σε θωπεύσει τo ηλιoβασίλεμα
αv πιστεύεις ακόμα στηv πρoσωριvότητα της ημέρας.

H γης
πoυ απόχτησες ξαvά
ύστερα απ’ τηv πικρή εξoρία
ξέρει από αρχαίoυς σπόρoυς
και χαίρεται στo εγγισμα τoυ φιλικoύ χεριoύ σoυ
vιόσκαφτη έχει πάλτ καρπoύς για σέvα

o χρόvoς
τώρα κάθεται δίπλα σoυ vα ξαπoστάσει

αv επιδιώκεις λίγo απ’ τo χτες στo αύριo.

  = *  = * =

 

Francese (Lisa Carducci):

 

da Insieme a te io sono nato ancora

NUOVISSIME PAROLE

Figlia
tuo padre non ha più
parole usate
non ha versi
da riciclare
per te che neanche parli
e fai versi dolci e strani
per segnare di te i nuovi giorni

Figlia
tuo padre non ha più parole
da regalare a chi saprà comprenderti
forse meglio quando avrai parole
tu
emerse al mondo insieme a te
nuovissime
– le aspetto, vita mia!

    * *

De tout nouveaux mots

 

Ma fille
ton père n’a plus
de mots usés
plus de vers
à recycler
pour toi qui ne parles pas encore
et fais des vers étranges et doux
pour marquer tes jours nouveaux

Ma fille
ton père n’a plus de mots
à donner à qui saura te comprendre
peut-être mieux quand tu auras des mots
toi
surgis du monde avec toi-même
tout nouveaux
– je les attends, ô ma vie!

  = *  = * =

 

Inglese (Catherine Mc Cormick) :

 

da Passi (traduzione inedita)

Altro non saprei fare – o ha ragione
chi dice che l’intimità è più bella
se esistere è un regalo così grande
che viene voglia di non fare altro

e godersi il frutto finalmente maturo
della nostra comunione – amore
è la nostra decisione di costruire
insieme il libro aperto della vita

non scriverò può darsi
poemi né altri versi
che non siano un’attesa
della parola ancora non udita:

una sillaba una sola due volte
– per me o per te – una sillaba
per dire ad entrambi che la vita
non finisce con noi

   * *

Anything else, I couldn’t do – or is right
who says that intimacy is the ultimate joy
if existing is a gift so great
that there’s no wish to do anything else

and then… to enjoy the final fruit
of our communion – love
is our decision to build
together the open book of life

maybe I’ll not write [I’ll no longer write]
poems nor other verses
that don’t know the expectation
of the word… yet not heard:

a syllable, one only, two times
– for me or for you – a syllable
to say to both that life
does not end with us

13
Feb
10

collaborazioni

Prefazioni ai libri:

(oltre alle note di lettura e alle introduzioni a tutti i piccoli libri della collezione “la stanza del poeta”, per i quali si rimanda al catalogo generale)

‘O laureat di Claudio Carbone, Gaeta 1988
L’estate delle farfalle di Laura Buscemi, Roma 1992
Una donna, i suoi ambienti di Giuseppina Scotti, Firenze 1992
Opere di Mario Magliozzi, Formia 1992
Cabala di Rossella Fusco, Gaeta 1995
Encanto di Enrico Rosati, Gaeta 1995
Il colore del lago sotto la neve di Laura Buscemi, Roma 1996
Ultimi canti di Clelia Rotunno, Scauri 1997
Strappi d’anima di Lina Rotunno, Venafro 1998
Liriche scelte di Clelia Rotunno, Roma 2004
Stagioni di Amerigo Iannacone, Venafro 2005
Laudano di Carmine Brancaccio, Venafro 2006
Il nastro di Moebius di Nando Pierluisi, Firenze 2007
Sinestesi di Emma Mazzuca, Foggia 2008
Lettere alle sorelle di Licia Rotunno, Napoli 2009

Collaborazioni con Nicola Napolitano per i libri:
Vie di paese, Loffredo, Napoli 1975
Viandante, Villano, Roccapiemonte 1985
Scorza e Mollica, Firenze Libri, Firenze 1992
Casale. Proverbi e modi di dire Graficart, Formia 1993
Casale. Memoria del tempo che fu EVA, Venafro 2001
Scrittori contemporanei Il Ponte, Cassino 1997
Ottantacinque poesie EVA, Venafro 1998

Cura dei libri postumi di Nicola Napolitano:
Disegnare il tuo nome, EVA, Venafro 2004
Lettere di un soldato, la stanza del poeta, Gaeta 2006
Autoantologia, la stanza del poeta, Gaeta 2009

13
Feb
10

l’alta parola

Vola alta, parola

(silloge poetica), la stanza del poeta, Gaeta 2007

Danza di fine anno

Danzano manichini penzoloni
le parole appena a perdersi se lasci
la presa incauto burattinaio
prima di averne registrato il peso

E te ne stai pupazzo inerte ad aspettare
chi ripari accorto i fili appena a muoverti
abile se un incarico ti offrono
irrinunciabile per il momento almeno

In cerca di un autore o di una parte
in te comunque vivi distillando
sapori e già saputi altri saperi
saziandoti la mente che ti pensa

Morbida questa inerzia cui appendere
l’abito disusato e nuove maschere
affrettarsi ad acquistare con gli spiccioli
di un anno a mala pena attraversato

* * *

Una storia nel tempo

Consumerai la candela del tuo giorno
frugando nel gran libro alla ricerca
della pagina in cui arde
(o pensi che dovrebbe)
la risposta ultima all’ultima domanda
– se l’indice tu scorrere potessi
indisturbato sbirciando ove sia scritta
la parola che chiude il tuo discorso!

Prima consumerai la tua candela
e la fiammella morirà senza conoscere
– affogando nell’estrema sua lacrima –
quale ti lascia eredità da scrivere
(o lasci ad altri e chi sia
nell’oscurità che viene
impossibile a scorgersi qualora
fosse infine – e non è certo – utile a dire

Com’è difficile uscire da una favola!

      * * *

Via Crucis

(meditazioni nella forma del sonetto e dell’haiku), la stanza del poeta, Gaeta 2008

10 – Spogliato

È più crudele
l’offesa dei fratelli
al tuo soffrire.

Il ghigno di chi offende suo fratello
è lo stupore che ti segna il volto
– ormai non preoccupato più di quello
che non hai dato, che ti viene tolto:

quanto hai potuto non è stato molto
e certo non te ne sei fatto bello
per essere additato dallo stolto
come colui che si fa ricco dello

splendore dell’altrui riconoscenza;
perché non hai voluto avere niente
che non fosse anche d’altri più che tuo.

E se ciascuno avesse dato il suo,
seguendo te, non ci sarebbe gente
a lamentarsi della sua indigenza.

       * * *

Antologia

(poesie 1967-2007) a cura di Stelvio Di Spigno, Guida, Napoli 2008

Come facili scorrono parole!
(12 maggio: a mio padre)

  

L’impermanenza della mansuetudine
è un macigno irremovibile
sulle impronte faticose a seguire
approssimandosi la cima
da cui scollina rovinosa quest’ascesa
riconosciuta solo in fine

Sangue le mie parole sono il tuo
che mi hai lasciato scorrere
tua guida inesorabile
midollo stesso della mia esperienza
fatta parola oltre un tuo segno
a dire chi mi porto dentro e so

È il giorno in cui mi concepisti e in me
la speranza ti accese ad altri lidi
attraversando il pelago scomposto
di esistenza raminga offerta nuova
rimediata in azzardo dentro l’orma
dall’antico dolore segnata

Vorrei nelle parole come vive
propaggini di un vivere perduto
essere ancora in credito dei sogni
in me lascito ignaro impressi un tempo

      * * *

La risposta figlia mia

  

e se Bob ancora chiede quanto tempo
quanto tempo ti ci vuole ad essere uomo
non hai pronta la risposta e non è vero
che se l’è portata il vento – l’hai perduta
quando ancora avresti avuto tutto il tempo
di rincorrere anche il vento e farla tua
(ora provaci a forzare la tua sorte

*

per sempre giovane finché mi sei accanto
seguirò l’apprendistato dei tuoi anni
e presto o tardi sarò pronto a regalarti
l’orizzonte che non ti risponde ancora

proprio come una donna figlia mia
sappi che non è facile: non cambiano
le tue moine il corso degli eventi

se davanti un mondo ostile si presenta
agli occhi tuoi di bambina che cresce
e non ha che da aspettare
e non ha che da credere – in sé

13
Feb
10

traduzioni

Apparenza di certezza/ Certitude apparente

(traduzione in francese di Georges Drano), La Porte, Laon 2007

 

ISTANTANEE

Si prepara in te a soffiare
impetuoso il vento
di altre primavere
e di stagioni ancora cui l’esistere
ti segna ti chiama ti aspetta

scatto e sviluppo istantanee
mentre fisso nella mente e nel cuore
il tuo volto sorridente
al mio sguardo
che i tuoi occhi divora

luce nuova ogni giorno
prospettiva mutante
nell’album
da regalarti appena
lo specchio ti dirà chi sei

* * *

Instantanés

Se prépare à souffler en toi
le vent impétueux d’autres printemps
et de saisons dont l’existence
te marque encore, t’appelle et t’attend

Je prends des instantanés que je développe
fixant dans mon esprit et mon cœur
ton visage souriant à mon regard
qui dévore tes yeux

Lumière chaque matin nouvelle
perspective changeante dans l’album
où le miroir qui t’est à peine offert
te dira qui tu es
(traduction: Georges Drano)

      * * *

10 poesie

 (10 Gedichte: con traduzione in tedesco di Renato Vecellio), la stanza del poeta, Gaeta 2008

Un tempo dell’attesa

Voglio costruirmi un tempo dell’attesa
e viverlo con te

aspetto il giorno in cui mi chiamerai
aspetto il primo tuo sorriso mio
aspetto

e lo so
sarà un tempio questa attesa
madia di parole

impasterò giorno per giorno la tua vita
pane da rosicchiare quando è duro
per quando avrò più nulla da aspettare

* * *

Eine Zeit des Wartens

Errichten will ich mir eine Zeit des Wartens
und sie mit erleben

ich warte auf den Tag, an dem du mich rufen wirst
ich warte auf dein, mein erstes Lächeln
ich warte

und ich weiß es
ein Tempel wird dieses Warten sein
Backtrog von Worten

Tag für Tag werde ich dein Leben kneten
Brot zum Nagen, wenn es hart ist

für dann, wenn ich nichts mehr zu
erwarten haben werde

      * * *

Medida de vida

(con traduzione in spagnolo di Carlos Vitale, introduzione di Angela Serna, Università di Vitoria) Ciclos, Vic 2009

Medida de vida es, sin duda, un poemario destinado a la reflexión -en el doble sentido del término-, pues al tiempo que nos invita a encontrarnos en el espejo, requiere nuestra meditación sobre la condición humana. Una reflexión mesurada, contenida, base de esa filosofía innata que guía nuestras preguntas aunque no siempre queramos o podamos obtener respuestas: medida del camino que todos, inexorablemente, estamos destinados a realizar para que lo que sabemos efímero, transitorio, sea por fin eterno como sentenció el gran poeta Baudelaire. (Angela Serna)